IT Asset Management: una priorità per i leader della trasformazione digitale

Nov 06

Scritto da Laura Conti

Quando un dipartimento IT pianifica gli investimenti futuri, decide le tecnologie sulle quali e il percorso da affrontare per assicurare gli obiettivi strategici che legano a doppio filo tecnologia e business, fa i conti con diversi fattori.

 L’apertura di nuovi branch office all’estero, ad esempio, e quindi l’implementazione di nuove infrastrutture, la necessità conseguente di standardizzare i processi IT per replicarli su più siti, l’intramontabile questione del budget da mantenere permettendo al contempo di attuare processi di trasformazione digitale che migliorino settori core dell’azienda come la produzione, le vendite o la logistica.

 

Gestisci tutti gli asset digitali da un’unica dashboard: attiva una demo  gratuita del tool my Elmec

 

E se il budget IT delle aziende cresce, secondo quanto attesta la CIO Survey 2019 il 59% dei responsabili IT italiani intervistati da KPMG dichiara di aver ricevuto maggiori fondi rispetto all’anno precedente, la priorità numero uno a livello nazionale resta comunque quella di ottimizzare le risorse dell’IT, sia che si tratti di asset digitali che di servizi. Dalle esigenze degli utenti nelle singole postazioni di lavoro alla sicurezza dell’intero network aziendale. Mentre a livello globale l'esigenza di business preponderante (per il 64% dei CIO) è garantire le performance dei sistemi in modo stabile ed efficace.  Quindi spendere di più ma in modo più efficace.Un traguardo impossibile?

 

Sicuramente la soluzione non è semplicemente quella di adottare nuove tecnologie seguendo i trend del momento (automation, AI e un timido ma sensibile interesse per il quantum computing) quanto la capacità di orchestrare asset digitali e servizi IT con l’aiuto dei ‘superpoteri’ che le nuove piattaforme di ITAM e ITSM permettono di attivare.

Ma cos’è l’IT Asset Management? Come si coniuga con la gestione dei servizi IT, quali sono le caratteristiche e i principali benefici? Proveremo ad approfondire questo termine con le nuove accezioni che ha acquisito negli ultimi anni.

 

 

IT Asset Management o ITAM: che cosa è e come si è evoluto

La gestione delle risorse IT (IT Asset Management o ITAM) è un insieme di pratiche aziendali che combina funzioni finanziarie, di inventario e contrattuali per ottimizzare la spesa e supportare la gestione del ciclo di vita e il processo decisionale strategico all'interno dell'ambiente IT. L’ITAM è spesso una parte del processo di IT Service Management (ITSM).

Il digitale ha cambiato il modo in cui le risorse tecnologiche vengono distribuite, utilizzate e gestite. Ha persino cambiato la definizione stessa di "asset tecnologico".

 


"Il 70% delle aziende registrano un 30% di discrepanza tra quanto pianificato e gli asset IT effettivamente inventariati"  

Gartner, 2019


 

Gartner definisce un "asset tecnologico come un qualsiasi elemento che può generare, ricevere o elaborare informazioni digitali a supporto dell'attività aziendale”. Quindi anche uno smartphone personale o un oggetto smart connesso tramite sensore IoT.

Concetti come la proprietà o la posizione fisica di questi asset non sono più importanti. Ciò che conta è che tutte le risorse siano governate e gestite secondo i principi e le migliori pratiche ITAM.

Immagine correlata

Oggi l'IT non dovrebbe concentrarsi solo sulle risorse di cui ha un’ownership diretta. Data la proliferazione di dispositivi che entrano nelle imprese da dipendenti, clienti e partner, è importante monitorare tutti i device che operano in rete. Allo stesso tempo, i CIO hanno ben chiaro che la gestione degli asset (o ITAM) diventa più complessa quando si aggiungono i servizi SaaS e PaaS di terze parti. Anche se è difficoltoso monitorarli e gestirli, questi fanno parte a pieno titolo dell’infrastruttura di un’azienda. Un'interruzione del fornitore di servizi cloud può eliminare componenti di servizio in modo imprevisto.

 

IT asset management e analisi dei dati

Il primo motivo per cui gli sforzi di modernizzazione falliscono secondo la CIO Review 2019 è perché l'IT non ha piena visibilità di tutti gli asset digitali della propria azienda. Questo accade soprattutto quando aumenta il livello di complessità dell’infrastruttura, delle piattaforme su cui si basano gli applicativi e il numero di dispositivi che operano sulla rete aziendale.

Thomas Klinect, Senior Researcher di Gartner spiega bene quanto accade: “Ho visto CIO investire decine di milioni di dollari in aggiornamenti continui senza fare alcun progresso. La struttura dell’IT è talmente complessa che non si può pensare di non avere strumenti integrati per l’analisi in tempo reale dei propri asset digitali”.

Un leader IT in fase di pianificazione non si può più basare su una fotografia statica dei sistemi, quanto sull’aggregazione di dati da diverse fonti, erogati in tempo reale. Ciò permette di aggiustare il tiro e ridefinire procedure e priorità in base alle effettive necessità di un’azienda e non solo per approssimazione.

 


Le imprese che gestiscono il ciclo di vita delle risorse IT riducono il costo per asset fino al 30% durante il primo anno, e tra il 5-10 per cento ogni anno nel corso dei successivi cinque anni.

Gartner, 2019


 

IT Asset Management e Service Management sono due facce per una sola medaglia.

Anche per questo in Elmec abbiamo studiato un nuovo modo di analizzare ed esporre le informazioni cruciali per i dipartimenti IT. Una dashboard che permette di gestire la mappa applicativa e la mappa network di un’infrastruttura e, quindi di verificare lo stato degli apparati che ospitano determinati applicativi e tutti i nodi delle reti aziendali. E non solo. Le dashboard permettono di avere una visione di insieme su tutti i ticket generati in automatico o dal dipartimento IT su servizi come il backup, la security, l’aggiornamento di patch e antivirus negli endpoint, la corretta distribuzione delle licenze.

 Attiva la demo gratuita di 7 giorni di My Elmec