Cybersecurity - Nel 2020 aumentano i rischi per i dati sanitari e i software

Jan 14

Scritto da Marco Mencarini

Anno nuovo, rischi nuovi per la sicurezza informatica delle aziende. Con l'aumento dei dispositivi connessi crescono anche i pericoli ai quali i sistemi vengono esposti. Ecco il punto sullo stato della cybersecurity realizzato dagli analisti Cybergon alle soglie del 2020

Aumenta il perimetro d'azione dei criminali informatici e crescono anche i pericoli ai quali i sistemi sono esposti, specialmente nel settore sanitario. Così si potrebbero riassumere le prospettive per il 2020 in termini di Cybersecurity. Cresce a dismisura (100 volte rispetto all'anno precedente) il terreno fertile per cyber criminali e malintenzionati, ora più che mai, attratti dal binomio oggetti connessi / dati disponibili. Gli analisti di Cybergon hanno realizzato un almanacco che raccoglie i principali avvenimenti del 2019 in ambito sicurezza informatica ed alcune previsioni per quest'anno. 
 

Indice dei contenuti

1. QUALI SONO DATI PIù A RISCHIO
2. DATA PROTECTION

Sicurezza Informatica 2020 - I dati maggiormente a rischio

Quali sono i dati maggiormente a rischio. Sicuramente i dati acquisiscono un valore sempre maggiore. Non a caso il settore più a rischio sarà quello sanitario per il quale si prevede un aumento esponenziale dei data breach e attacchi ransomware.

sicurezza informatica dati sanità

E se il prezzo di una cartella clinica raggiungerà i 60€, a forte rischio saranno anche i software per le automobili. Fanno gola i dati sugli itinerari delle persone e tutto ciò che ne potrebbe conseguire, così si stima che nel 2020 potremmo assistere al primo incidente d’auto mortale dovuto ad un malware che ha infettato un sistema di guida autonomo.

Sono già incappati in data breach colossi come LinkedIn, Yahoo e Under Armour nonostante mezzi e risorse ingenti a disposizione. Nel prossimo futuro le aziende saranno ancora più a rischio poichè gli attaccanti sfruttano tecniche di social engineering ed allo stesso tempo si sceglierà di usare sempre più spesso degli insider per accedere a dati sensibili e bypassare le soluzioni di sicurezza adottate dalle aziende.

Il veicolo maggiore di infezione? Gli smartphone, con 6 miliardi di device connessi alla rete ed una soglia di attenzione piuttosto bassa da parte degli utenti, rappresenteranno probabilmente il cavallo di Troia più utilizzato dai cybercriminali.

E non si è immuni nemmeno con l'autenticazione a due fattori. Il SIM swapping attack permette di reindirizzare tutti i messaggi verso una terza SIM, intercettando chiavi di doppia autenticazione e tanto altro.

Cybersecurity 2020 - data protection

Mentre l’FBI ha già stilato un elenco di criminali informatici ricercati, gli USA si apprestano ad approvare una legge sulla Data Protection e molti altri stati hanno in programma ingenti investimenti in ambito Cybersecurity.

Insomma, aumentano sia il giro di denaro che ruota intorno alle attività di hacking, sia la complessità delle strategie utilizzate per bypassare i sistemi di sicurezza.

Come sentirsi più al sicuro? Alza la soglia di attenzione, mantieni una buona condotta in rete e se vuoi rimanere aggiornato sugli ultimi sviluppi che riguardano la sicurezza informatica per le aziente leggi l’almanacco completo sul blog di Cybergon, la nuova business unit di Elmec Informatica su cybersecurity e cyber intelligence.

#BeAware #BeSecure